gennaio 20, 2022     | Registrazione
Registro Elettronico dei Trattamenti

A partire dal 28 gennaio 2022 è obbligatora la compilazione del registro dei trattamenti elettronico.

Il Centro Servizi Nazionale per l'Anagrafe Zootecnica sta avvisanto via e-mail anche tutti gli apicoltori (in quanto detengono api/animali) che nel loro profilo in BDA (Banca Dati Apistica Nazionale) è stato abilitato il sistema nazionale farmacosorveglianza (ricetta elettronica veterinaria).

 

Di seguito alcuni chiarimenti.

 

Nel registro devono essere trascritti tutti i farmaci per i quali è previsto l’obbligo della ricetta veterinaria. Ad oggi, la stragrande maggioranza dei farmaci usati in apicoltura (Api-bioxal, Oxuvar, Apivar, Apitraz, Varromed, Apistan, Apilife Var, Thymovar, Apiguard, Polyvar, Varteminator, MAQS e Apifor60) non prevede la ricetta veterinaria (NON vi è l’obbligo di prescrizione) e pertanto non andrebbero trascritti sul registro dei trattamenti di animali destinati alla produzione di alimenti (nota 0016388 del 29/06/15).

Successivamente, nel luglio 2016, nella nota ministeriale 0015790-01/07/2016-DGSAF-DGSAF-P si dice testualmente: "Al fine di consentire i controlli di tipo documentale si ritiene indispensabile che le regioni dispongano che gli apicoltori registrino i trattamenti effettuati come previsto al Capo III del Regolamento 852/2004 nonché conservino le evidenze di acquisto dei farmaci utilizzati. Tenuto conto che gli apicoltori che commercializzano alimenti o materiale vivo (api/nuclei) già dispongono di un registro ai sensi dell’articolo 79 del decreto legislativo 6 aprile 2006 n.193 si reputa che lo stesso possa essere utilizzato per la registrazione di detti trattamenti".
Dunque, alla luce di quando detto nella nota ministeriale, per chi effettua commercializzazione ed è pertanto assoggettato alle norme del cosiddetto pacchetto igiene (Reg. 852/2004 e affini) ovvero deve dotarsi di un manuale di corretta prassi operativa, consigliamo la registrazione dei trattamenti sul registro farmaci e la conservazione delle copie delle fatture o delle ricevute di acquisto dei medicinali.

 

E per chi non effettua commercializzazione (hobbisti -autoconsumo)? È bene ribadire che il regolamento 852/2004 e l'intero pacchetto igiene regolamentano la produzione primaria (allegato I) e la produzione secondaria (allegato II) ma nulla hanno a che vedere con l'autoconsumo. Per gli apicoltori in autoconsumo rimane valido quanto stabilito dai decreti legislativi 158/2006 e 193/2006 e dalla successiva nota ministeriale 0016388 del 29/06/15 ovvero che NON vi è l’obbligo di trascrivere i trattamenti sul registro farmaci pur essendovi l’obbligo di esserne in possesso con regolare vidima della Asl. Tuttavia anche in questo caso, per una sorta di uniformità di interpretazione, consigliamo la registrazione dei trattamenti sul registro farmaci e la conservazione delle copie delle fatture o delle ricevute di acquisto dei medicinali.

Progetto Api sentinelle dell'ambiente. Richiesta di collaborazione.

Prima di tutto ringraziamo, hanno già dato la loro disponibilità più di 50 soci! L'Alta Valsugana è quasi completamene coperta Chiediamo la tua collaborazione per poter monitorare le restanti zone, esse sono : Caldonazzo, Calceranica, Brusago, Grigno, Tezze, Ospedaletto, Selva, Martincelli, Alta Val dei Mocheni, Primiero, Tesino. E' un progetto a cui teniamo molto, come saprai il polline raccolto dalle api è spesso contaminato da fitofarmaci che stanno provocando un avvelenamento cronico delle colonie.
Il progetto si chiama: API SENTINELLE DELL'AMBIENTE
Attraverso le analisi residuali del polline raccolto dalle api si cercheranno sostanze estranee provenienti da qualsiasi fonte di inquinamento.
La data del prelievo dalla trappola e le coordinate geografiche della collocazione dell’arnia permetteranno di confrontare i principi attivi dei prodotti usati in agricoltura in quella zona e in quel periodo con le sostanze inquinanti rilevate nel polline.
In questo modo sarà possibile elaborare la mappa territoriale dei principi attivi e relativi fitofarmaci a più elevato impatto ambientale. Sulla mappa saranno indicate con colori diversi le zone a minore o maggiore impatto ambientale. La colorazione di una certa zona dipenderà da due fattori importanti:
1. numero di principi attivi rilevati;
2. quantità di ciascun principio attivo.
Le analisi per l'apicoltore sono gratuite e in questo modo potrai conoscere la qualità del polline della zona in cui operi. E' garantito l'anonimato, l'impegno è minimo: sarà solo necessario posizionare le trappole nelle date indicate e raccogliere il polline come specificato (una o due volte in maggio-giugno)
Ti chiediamo di darci una disponibilità di massima ( inviando una mail all'indirizzo:romano.nesler@gmail.com) specificando: Nome e cognome; Numero di telefono; Zona precisa in cui si trova l'apiario indicando ameno il comune (meglio anche le coordinate). Ci interessa anche sapere se possiedi una trappola del polline per fare il prelievo per il campionamento o se dovremo fornirtela noi.
Ci riserveremo di selezionare, fra le disponibilità raccolte per le analisi, quegli apiari che meglio coprono il territorio considerando le distanze di volo delle api, ma chi resta escluso potrà forse partecipare in anni successivi...

Se operi fuori dalla Valsugana, o vuoi testare altri apiari non in progetto potrai partecipare ugualmente operando in questo modo:
-- analisi a tue spese
---raccolta del polline nei medesimi giorni
-- analisi presso PH multi residuali (500 rincipi attivi); Glifosato e metaboliti; Metalli pesanti: Rame, Piombo, Cadmio
-- inviandoci l'esito delle analisi per un confronto con li dati generali
Grazie per la collaborazione
Il coordinatore del progetto
Romano Nesler

Sostieni il progetto anche con un piccolo contributo tramite bonifico bancario presso Cassa Rurale Valsugana e Tesino IT05C0810235350000055056941 (causale: Progetto Api sentinelle dell'ambiente contributo volontario).
Bando aiuti in apicoltura 2022

Il bando per gli aiuti in apicoltura 2022 dovrebbe essere approvato in questi giorni.

 

La scadenza per la presentazione delle domande è il 28 febbraio! Le domande, su modello disponibile in SIAN, devono pervenire esclusivamente via pec a serv.agricoltura@pec.provincia.tn.it mail.

Appena disponibile pubblicheremo il bando.

 

Maggiori informazioni.

Corso "benessere animale"

Enaip, con il supporto di APIVAL apival, organizza un corso di aggiornamento aperto a tutti i soci FAAT sul


"benessere animale": salute e cura degli animali

 

Programma:

  • acido formico: tutto quello che avreste voluto sapere e non avete mai osato chiedere (lotta alla varroa) (relatori Umberto Vesco e Livio Colombari)
  • la gestione del nido: dal nido stretto al nido adattato! Esperienze aziendali! Aggiornamento sulla varroa, virosi e la covata calcificata (relatori Umberto Vesco e Livio Colombari)
  • la melata questa sconosciuta (relatrice Maria Mayr Lago)


Il corso ha una durata di 10 ore, distribuite su 3 pomeriggi/sere dal 9 al 23 febbraio 2022. I soci FAAT che vogliono iscriversi, possono inviare una mail a Monica Fontana (monica.fontana.tn@gmail.com mail).

 

scarica il programma completo



Corso produzione idromele

Enaip, in stretta collaborazione con APIVAL apival, ha organizzato un corso sulla


produzione dell'idromele

 

Relatore Matteo Di Passio

 

Il corso organizzato ha già raggiunto il numero massimo di partecipanti, ma se sei interessato puoi inviare una mail a Monica Fontana (monica.fontana.tn@gmail.com mail) che sta raccogliendo le pre-iscrizioni per un ulteriore corso.


Programma di massima (durata di 20 ore):

  • teoria delle fermentazioni alcoliche e della produzione dell’idromele
  • laboratorio di degustazione guidata, con le diverse interpretazioni artigianali in commercio
  • laboratorio tecnico-pratico con produzione di idromele a partire dal proprio miele
Aggiornamento anagrafiche soci

Invitiamo tutti i soci ad aggiornare la propria anagrafica socio facendo click qui

Conoscere e allevare le api

SOLO PER I SOCI IN REGOLA CON LA QUOTA SOCIALE 2021 è possibile ritirare UNA copia del libro al prezzo di 20€ presso Apicoltura Biasi


Presentazione sintetica del libro


È possibile inoltre acquistare il libro on-line:

Per accedere agli articoli tecnici e a quelli sulla formazione

Da oggi per accedere a tutti gli articoli tecnici e a quelli relativi alle attività formative e filmati di apicoltura è necessario REGISTRARSI sul sito cliccando su "registrati" o in alto a destra e compilando il form in tutte le sue parti (Nei campi cognome e nome inserire effettivamente i dati giusti, ci riserviamo di non confermare registrazioni potenzialmente pericolose) . La registrazione verrà confermata via mail dall'amministratore del sistema.
Una volta registrati se si accede al sito con nome utente e password diventeranno visibili:
-- Sulla sinistra il menu "Tecnica apistica" e tutte le sue articolazioni
-- Sulla sinistra il menu "Formazione"
-- Sulla destra il riquadro "Links ai nostri filmati"
-- Su questa pagina il riquadro "New Approfondimenti di tecnica apistica"

SOCI APIVAL
-- Per diventare soci selezionare dal menu di sinistra APIVAL - Diventa socio. Versare la quota, compilare la scheda di iscrizione e inviarla ad apival@apival.net

Foto di stagione
Sconti riservati ai soci

La tessera sociale dà diritto a diversi sconti in negozi convenzionati, visita la sezione Fornitori per rimanere aggiornato.

verifiche funzionali opere di prevenzione grandi carnivori
Rimani aggiornato ... iscriviti alla newsletter

Per ricevere la informazioni APIVAL e i notiziari tecnici iscriviti alla newsletter cliccando su "Registrazione" o in alto a destra.
Ti garantiamo che per il rispetto della privacy la tua mail non verrà usata a fini commerciali e riceverai solo info e promemoria sulle attività dell'associazione ed il notiziario tecnico.

Informativa resa ai sensi degli articoli 13-14 del GDPR 2016/679

Ogni socio è invitato a prendere conoscenza dell'informativa resa ai sensi degli articoli 13-14 del GDPR 2016/679 per il trattamento dei dati personali.

Qui il testo.

Cosa fare in caso di avvelenamenti

Ricordiamo brevemente la procedura da seguire in casi di morie di api probabilmente causate da avvelenamenti da fitofarmaci:

1. La segnalazione va fatta individualmente da parte dell'apicoltore che ha subito il danno ai Servizi Veterinari di zona (nel nostro caso Pergine o Borgo)(scarica il modulo)
In caso di chiamate fuori dall'orario di lavoro contattare il numero di reperibilità del servizio veterinario 366 7882982
2. E' bene fare una segnalazione SCRITTA e firmata chiedendo che sia protocollata in modo che la cosa sia ufficiale. Allegare qualche foto, descrivere nella segnalazione scritta l'entità del danno subito (almeno percentuale stimata di api morte e numero di colonie colpite) e chiedere l'intervento di un veterinario. Segnalare anche se nella zona non è stato fatto lo sfalcio sotto i frutteti o i vigneti durante la fioritura. E` importante la segnalazione scritta perchè SOLO IN QUESTO MODO resta traccia di una problematica a carico delle api della nostra zona. (diversamente a fine stagione ci dicono che non ci sono state morie segnalate)
3. Raccogliere un campione di api (il più possibile) e consegnarle subito o metterle il freezer in attesa della consegna.

In seguito alle segnalazioni di morie di api fatte dagli apicoltori ai servizi Veterinari la Provincia si è attivata per raccogliere maggiori informazioni. Coloro che hanno subito danni lo segnalino all'indirizzo mail apival@apival.net specificando: nome, cognome, codice aziendale, telefono e comune in cui erano dislocate le arnie al momento del danno subito. Come oggetto della mail inserire "morie di api".
La PAT si riserva di raccogliere ulteriori informazioni contattando direttamente gli apicoltori colpiti. Grazie a tutti per la collaborazione
Calendario soci APIVAL
I Comuni amici delle api e dell'ambiente
Facebook

Sponsor


Casse Rurali
della Valsugana

RINGRAZIAMO

chi ha devoluto attrezzatura all'associazione:

il socio Pioner Franco

il socio Tiengo Arrigo

i famigliari di:

Copat Vittorio, Trentin Gianfranco e Furlan Santo

Siti amici
APIVAL Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai
Per convenzione internazionale:
• colore bianco per gli anni che terminano con la cifra 1 o 6;
• colore giallo per gli anni che terminano con la cifra 2 o 7;
• colore rosso per gli anni che terminano con la cifra 3 o 8;
• colore verde per gli anni che terminano con la cifra 4 o 9;
• colore blu per gli anni che terminano con la cifra 5 o 0.
APIVAL Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Via G. Carducci, 3 - 38051 Borgo Valsugana (TN) Codice fiscale: 90013980223 P.Iva: 02143490221 Sede legale via G. Carducci, 3 - 38051 Borgo Valsugana (TN) www.apival.net - apival@apival.net - apival@pec.it
Copyright (c) - 2022   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso