dicembre 01, 2022     | Registrazione
Incontro servizio veterinario - 27/10/2022
 TitoloDescrizioneCategoriaDimensioni (Kb) 
miele e prodotti dell'alveareintervento del dott.Fedel (27/10/2022): miele e prodotti dell'alverarepdf623,05Download
farmaco in apicoltura e normativaintervento del sevizio veterinario (27/10/2022): farmaco in apicoltura e limite 10 alvearipdf2.101,47Download
Aggiornamento normativa per l'apicoltura

Facendo riferimento alla normativa UE già in vigore, APSS comunica che le indicazioni date dal Ministero sono immediatamente applicabili.

Appena possibile gli apicoltori dovranno adeguarsi in materia di:

  • limite dei 10 alveari considerato autoconsumo

  • vidimazione del registro trattamenti per i produttori

Per qualsiasi dubbio chiedere al servizio veterinario di competenza.

 

Utilizzo del farmaco in apicoltura
 TitoloDescrizioneCategoriaDimensioni (Kb) 
nota ministeroprocedure operative per la registrazione dei trattamenti di medicinali veterinari somministrati alle apipdf611,97Download
registro trattamentiregistro dei medicinali veterinari somministrati alle api: vedi istruzioni nel riquadro sottostantepdf56,23Download
regole APSSregolamento (UE) 2019/6 - regole per l'utilizzo del farmaco in apicolturapdf226,26Download
Registro trattamenti: istruzioni

Nel riquadro soprastante è possibile scaricare il nuovo registro trattamenti che, rispetto al modello ministeriale, è stata modificato da APSS aggiungendo una pagina per registrare i controlli ufficiali).

 

Di seguito le istruzioni di APSS per la corretta stampa.

 

Ricordando che il registro dei trattamenti deve essere fatto vidimare dal servizio veterinario competente per territorio, senza oneri a carico del richiedente, si indica di seguito come lo stesso debba essere stampato e presentato la servizio veterinario per la vidimazione:

Il registro deve essere composto da:

  • prima pagina (che può essere in cartoncino) costituita dalla prima facciata (frontespizio) "REGISTRO DEI MEDICINALI VETERINARI SOMMINISTRATI ALLE API" e da un retro (seconda facciata) dove stampare i dati anagrafici ed indicativi dell'apiario (da compilare prima della vidimazione);
  • le pagine successive, in numero sufficiente alle esigenze dell'apicoltore, servono per la registrazione dei trattamenti. Le pagine dove si registrano i trattamenti devono essere stampate in fronte retro e preventivamente numerate, ovvero la prima facciata avrà il numero 1 la seconda facciata, della stessa pagina, avrà il numero 2 e via di seguito;
  • dopo le pagine destinate alla registrazione dei trattamenti va stampata la pagina/e per le "ulteriori annotazioni" sempre in fronte retro ed in numero proporzionale alle pagine dove vengono registrati i trattamenti. Infine nell’ultima pagina va stampato (prima facciata) lo "Spazio destinato alla vidimazione" e sul retro, della stessa pagina, va stampato lo "Spazio destinato alla autorità competente", volendo, a protezione si può aggiungere alla fine un cartoncino, il tutto deve essere rilegato in modo indivisibile (sufficiente apporre sul lato corto alcuni punti metallici con una cucitrice).


Evitare di lasciare pagine bianche con l'esclusione dell'eventuale copertina.


NB: i registri già vidimati secondo il modello ministeriale rimangono validi.

Indicazioni di APSS in apicoltura

Di seguito le indicazioni di APSS per l'apicoltura.

 

È vero che non ci sono limiti al numero di alveari che un singolo apicoltore, può avere, rimanendo produttore primario e da cui estrarre e confezionare miele, pappa reale, polline e propoli grezza?
L'apicoltore è un produttore primario indipendentemente dal numero di alveari detenuto.
La produzione primaria è tale fino all'invasettamento (compreso), purché eseguito nell'ambito dell'azienda agricola e purché il prodotto non subisca trattamenti o rielaborazioni (esempio: aggiunta di frutta secca o altri ingredienti) cioè operazioni non primarie.

È vero che per smielare il miele dai propri melari non occorre necessariamente frequentare corsi obbligatori HACCP e avere il manuale HACCP?
Nel caso di un laboratorio di smielatura in cui vengano effettuate solo operazioni primarie è obbligatorio conoscere le buone prassi operative, ma non è obbligatorio frequentare dei corsi HACCP, né è obbligatorio avere procedure basate sul sistema HACCP, che però qualora fossero adottate, devono essere pienamente rispettate.

È vero che per smielare e vendere il proprio miele non è obbligatorio possedere un laboratorio (con bagno-antibagno-spogliatoi-piastrelle-con superfici lavabili e disinfettabili, ecc…), ma basta un luogo pulito, con attrezzature adeguate e ben tenute, al sicuro dagli animali?
Pur auspicando sempre il raggiungimento dei più elevati standard di igiene e strutturali, soprattutto in caso di produzioni rilevanti, un laboratorio di smielatura aziendale deve rispettare i più stringenti requisiti imposti dall'Allegato II del Reg. 852/2004 quando:
a) l'apicoltore esegue operazioni non primarie (come l'aggiunta di altri ingredienti)
b) esegue la smielatura anche per conto terzi.

Dobbiamo compilare una SCIA per comunicarvi che vendiamo il miele oppure basta che lo indichiamo in banca dati apistica?
L'APSS, per ridurre al minimo il carico burocratico a carico degli apicoltori, inserisce nell'anagrafe delle imprese alimentari tutti i produttori che in Banca Dati Apistica hanno più di dieci alveari, indipendentemente dalla presentazione di una “notifica” da parte dell'apicoltore.
Questo è uno dei fondamentali motivi per cui gli apicoltori devono tenere aggiornata la loro posizione ed indicare correttamente le loro attività compresa quella della smielatura.
La notifica all'APSS tramite SUAP (SCIA) è obbligatoria quando ricorre almeno una delle due condizioni indicate nella risposta al quesito precedente o se l'apicoltore detiene e/o commercializza miele altrui.

Qual è esattamente il limite di alveari posseduti per il quale si può parlare di "autoconsumo"?
Il limite numerico degli alveari non è stabilito esattamente dai Regolamenti Comunitari o da leggi e decreti nazionali.
Il Ministero della Salute sta abbozzando delle linee guida che probabilmente fisseranno a dieci il numero di alveari, proprio per questo in APSS, seppur non vi siano atti formali della PAT o della APSS ad indicarlo, le procedure in essere già valutano in 10 il numero limite oltrepassato il quale non sarà più possibile parlare di “autoconsumo” e l'apicoltore verrà considerato “Operatore del Settore Alimentare”.
Le nuove linee guida probabilmente daranno delle ulteriori indicazioni relativamente all'obbligo di notifica, alla necessità di ulteriori requisiti specifici a seconda della quantità di miele prodotta e ceduta ad altri operatori magari con commercializzazione fuori dal territorio provinciale o delle province contermini e ad altre questioni in discussione, ma finchè non verranno pubblicate ci atterremo alle indicazioni attuali.

Meteo in Valsugana
I Comuni amici delle api e dell'ambiente
Facebook

Siti amici
APIVAL Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai
Per convenzione internazionale:
• colore bianco per gli anni che terminano con la cifra 1 o 6;
• colore giallo per gli anni che terminano con la cifra 2 o 7;
• colore rosso per gli anni che terminano con la cifra 3 o 8;
• colore verde per gli anni che terminano con la cifra 4 o 9;
• colore blu per gli anni che terminano con la cifra 5 o 0.
APIVAL Associazione Apicoltori Valsugana Lagorai Via G. Carducci, 3 - 38051 Borgo Valsugana (TN) Codice fiscale: 90013980223 P.Iva: 02143490221 Sede legale via G. Carducci, 3 - 38051 Borgo Valsugana (TN) www.apival.net - apival@apival.net - apival@pec.it
Copyright (c) - 2022   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso